Da IPOST a INPS…e i servizi dove sono finiti?

Ci giungono dal territorio, richieste di spiegazioni, relative alla impossibilità per il 2013, di accedere ai Corsi di Inglese e di Informatica e alle Colonie per i propri figli, tutti fino al 2012 regolarmente indetti dal IPOST

Da quanto ci viene riferito, con il passaggio dell’IPOST all’INPS, i lavoratori di Poste non hanno più la possibilità di accedere a questi servizi. L’INPS interrogato sulla vicenda dichiara che non sono previsti. Inoltre, se si chiede di poter accedere ai servizi riservati ai dipendenti dell’I.N.P.S. , rispondono che noi siamo dipendenti di Poste Italiane S.p.A. e quindi non possiamo. I soldi del IPOST, o meglio, dei lavoratori di Poste Italiane S.p.A. sono però confluiti all’INPS.

In un momento di crisi economica come questa, le mamme e i papà hanno ancor più bisogno di questo tipo di aiuto. I nostri stipendi si sa non sono alti e purtroppo molte sono le famiglie dove uno dei due è stato licenziato/cassa integrato.

Le trattenute in busta paga, per IPOST vengono ancora fatte, non le trattenute legate alla stipula di contratti privati, ma la trattenuta comune a tutti.

Riteniamo utile un chiarimento. Se le trattenute vengono ancora effettuate, a cosa servono? Perché i nostri figli non hanno più ciò che fino al 2012 è stato garantito?  perché non esistono più comunicazioni e spiegazioni da parte dell’ IPOST? queste spiegazioni sono necessarie onde evitare domande inutili, giri inutili, risposte umilianti da parte dei parenti poveri che hanno fruito dei soldi dei parenti ricchi.

I figli dei “Postali ” non sono come quelli dei dipendenti dell’Inps o dell’ Inpdap?

Aspettiamo altre comunicazioni dal territorio. Da parte nostra abbiamo inviato una richiesta di chiarimenti.

La Redazione

10 pensieri su “Da IPOST a INPS…e i servizi dove sono finiti?

  1. Sono in pensione da luglio 2021 e nonostante due richieste all’INPS di Asti non ho ancora nessuna comunicazione relativa alla mia pensione.
    Ho lasciato l’Impiego freddo della possibilità relativa a “quota cento”.
    Come posso venire in possesso di tale comunicazione che credo sia anche un diritto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.