Per tutti i Lavoratori di Poste SpA.

MASSIMA ATTENZIONE.

Indennità di buonuscita maturata al 27/02/1998

In questi giorni ci stanno giungendo richieste di chiarimento e di aiuto da colleghe e colleghi che hanno firmato l’incentivo per il pre-pensionamento, la richiesta è relativa all’assenza dei contributi versati fino al 27/02/1998 dall’estratto che viene consegnato dopo la firma e dal computo della pensione. Infatti chi va ai colloqui, non riceve informazioni né sull’ammontare della pensione, né sul perché mancano alcuni periodo contributivi già ricongiunti nel corso degli anni. Mancano in sostanza i contributi versati all’ IPOST fino al 27/02/1998 data in cui siamo divenuti SpA, i periodi prestati come trimestrali e i periodi in altre amministrazioni anche se le domande sono state regolarmente presentate con i documenti necessari (versamenti contributi). Quindi Attenzione: la legge INPS n° 210 determina che il lavoratore deve fare personalmente richiesta di ricongiunzione di quei contributi, attraverso uno stampato che abbiamo inserito nella Cassetta degli attrezzi già qualche tempo fa, ma che forse, non abbiamo sufficientemente richiamato alla vostra attenzione. Tutti gli interessati devono compilare il modulo di richiesta di conteggio di buonuscita maturata al 27 febbraio 1998 e inviarlo a: ITALIA PREVIDENZA SISPI SpA. Via Carlo Spinola 11, 00154 Roma. Non Disperdiamoci. La redazione

 

 

Annalisa Lanza

Salve. i mie contributi empals sono stati ricongiunti nel 2007 all Ipost che mi riconosciuto 6anni .Ad oggi però non compaiono all Inps…Cosa posso fare?Ho tutti i tabulati Empals e il versamento fatto all Ipost delle mie somme contributive.Ho anche un attestato dell’ Ipost che conferma la mia ricongiunzione.Ho urgenza di sapere cosa posso fare

Giuseppe Deidda

Nel 2004 ho aderito all’invito del slc-cgil di livorno di chiedere il ricalcolo/rivalutazione della ind. di buonuscita. Nel 2010 ricevevo comunicazione dalla gest. commissariale che, dopo la sentenza a me favorevole del tribunale di Livorno, avevo diritto ad una riliquidazione della ind. buonuscita e ricevevo due assegni: uno di euro 2.605,82 che giravo all’Avv. della cgil quali sue competenze ed uno di euro 8.149,32 (netti) a mio beneficio. Nel 2015 l’Ag. delle entrate, per queste somme ricevute mi imponeva una ulteriore tassa di euro 1.168,79, somma che ho regolarmente pagato per cui, di fatto, nelle mie tasche sono entrati euro 6.980,53 (8.149,32 – 1.168,79).
In seguito a ribaltamento della sentenza di cui sopra, sono ora chiamato a restituire euro 16.087,20 (n. 60 rate mensili da euro 268,12). Ho scritto alla segr. naz. SLC, per ora senza risposta (ho tutta la documentazione). Per mia conoscenza siamo tre pensionati nelle stesse condizioni. Potrei avere una risposta dal SLC?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.