Informazioni utili per accesso a busta paga

Cercheremo di dare alcune informazioni utili per avere l’accesso alla nostra casella di posta e per poter salvare  le nostra busta paga. Innanzitutto Raccomandiamo caldamente tutti i lavoratori di non rivelare a nessuno la propria password per la sicurezza dei propri dati e

della privacy. Subito dopo il primo accesso e soltanto dopo aver capito il funzionamento, vi consigliamo di cambiare la password e di conservarla gelosamente.

Per accedere alla propria casella di posta, Andare sulla pagina principale di Poste.it, inserire il proprio nome utente che solitamente è il nome.cognome scritto in minuscolo e la password nello spazio riservato e cliccare su “Invia”. Subito dopo l’invio, compare il messaggio di benvenuto e la pagina principale con le cartelle: MYPOSTE-BACHECA-ARCHIVIO.

Cliccando su BACHECA e scendendo in basso si evidenzia la barra preferiti. Se non c’è l’icona POSTEMAIL cliccare a destra su PERSONALIZZA e cercare tra le tante icone quella di POSTEMAIL. Trascinare l’icona sulla barra preferiti e SALVA in modo da poterla visualizzare in futuro. Attendere il salvataggio e dalla barra preferiti cliccate sull’icona  POSTEMAIL. Attendete il caricamento (barra verde-giallo al centro) dopo di che cliccate sulla quinta casella “COMUNICAZIONI AZIENDALI” posta sulla sinistra in alto, cosi verranno visualizzate le comunicazioni e principalmente i CEDOLINI BUSTA PAGA. Ma non basta. Create una cartella sul proprio disco rigido nominandola “Buste Paga”dove salverete tutti i cedolini presenti sul sito. Cliccate su cedolino, esempio “Gennaio 2010” quindi in basso al centro riga gialla cliccate su (numero.pdf), A questo punto nella finestra di dialogo che compare cliccate su salva dando il percorso della cartella precedentemente creata. Così potrete avere sempre disponibili le vostre buste paga. Lo scopo di questa sommaria spiegazione è rendere autonomi tutti i lavoratori in difficoltà, costretti a dare i propri dati a terzi, per riuscire a visionare le buste paga. Importante: controllare le buste paga di tutto l’anno, per capire mese per mese, quante sono le ferie usufruite e quante realmente indicate sulla busta paga. Lo stesso vale per le festività soppresse ed i permessi ex art. 38. Invitiamo chi ha domande, dubbi o difficoltà a contattarci utilizzando il form “Contattaci”. Buon Lavoro.

La Redazione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *