Esodo Incentivato: Nessuna Naspi per i Lavoratori di Poste

Pubblichiamo la comunicazione inviata ieri 19 Aprile 2017 da INCA-CGIL ai Territori a conferma che la procedura avviata per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con incentivo non da diritto alla NASPI. Buona lettura. La Redazione.

tore54

….buongiorno a tutti, ma…. se dopo la risoluzione consensuale del contratto, trova lavoro
subordinato per 3 mesi con contratto a termine, alla scadenza del contratto, puo’ aver diritto alla naspi? E… le famose 52 settimane necessarie per il requisito nel biennio precedente, possono essere prese in considerazione nei contributi ipost?
Grazie per la risposta.

FRANCESCO BITETTI

Caro Diavoletto,ho letto attentamente il comunicato “inca cgil per poste/naspi”dove ho appreso con molto interesse che la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro non da diritto al percepimento della Naspi.
La notizia mi ha sinceramente creato dubbi e perplessità per il semplice motivo della duplice interpretazione della normativa da parte dell’istituto INPS.Infatti,mi risulta che mentre alcuni lavoratori percepiscono regolarmente l’indennità ad altri viene negata.Allora, di fronte a una simile situazione sarebbe opportuna che i sindacati postali e Azienda concordino una situazione uniforme per tutti gli interessati.Devo purtroppo costatare l’ambiguità e la scarsissima sensibilità di codesto organo di come è stato rappresentata una situazione veramente paradossale…..

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.