La Bacheca

 

“Ottobre 1906 Nasce la Confederazione Generale del Lavoro, 105 anni in cui parole come Diritti, Dignità, Partecipazione, Rispetto, Solidarietà, sono entrate a far parte a pieni titolo nel dizionario  dell’attualità e della vita Italiana compreso quella politica,perché le loro sillabe siano scandite domani e per sempre anche da chi ieri non c’era e oggi non ha ancora l’età del lavoro.

NON DIMENTICHIAMOLO”.

“Art.1 della Costituzione Italiana: L’Italia è una Repubblica Democratica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

“Richiamare alla memoria grandi leader significa impegnarsi ad un agire coerente con il loro insegnamento. Le persone sono figlie del loro tempo, le loro conquiste sono eterne”.

“Dedicato ad un caro collega scomparso da poco.”


Alessandra

Buongiorno, sono una portalettere part time che, per Inidoneità definitiva alla mansione di portalettere, è stata trasferita, definitivamente, come addetto alle lavorazioni interne, dalla sua sede lavorativa, a 2 km da casa, al nodo di rete più vicino che dista 50 km. Volevo sapere come è stato possibile non proporre alcuna scelta di sede lavorativa, dato che nel CDM vicino a casa gli agenti interni effettuano quotidianamente straordinari. Ho anche un’invalidità del 67% e sono appartenente alle categorie protette (anche se non assunta come categoria protetta). Grazie

Admin

Chiedi al RSU che ha competenza nell’ufficio dove sei applicata se ci sono gli estremi per poter agire attraverso il sindacato. In mancanza del rappresentante sindacale rivolgiti alla sede sindacale della sigla alla quale sei iscritta e chiedi il loro supporto attraverso una azione legale per il ripristino delle condizioni che tengano conto della tua invalidità

Alessandra

Grazie per il consiglio, che avevo già messo in atto 6 mesi fa. Purtroppo, secondo l’accordo sindacale dell’8 marzo 2019, tutti gli inidonei temporanei alla mansione di portalettere (comunque esteso, non si sa perché, anche agli inidonei permanenti), vengono trasferiti ai nodi di rete più vicini (in tutta Lombardia sono a Milano Roserio e Peschiera Borromeo) come addetti di produzione. Non c’è nulla che si possa fare, perché, secondo l’accordo sindacale, gli addetti alle lavorazioni interne andranno a sparire, verranno sostituiti da portalettere business. Di conseguenza mi rimangono 2 opzioni: 1 mi licenzio; 2 ogni giorno percorro 100 km a/r per raggiungere la sede lavorativa, ovviamente in auto, perché con i mezzi ci si mette ore 5 ore a/r. Nessuna risposta alle richieste di avvicinamento, per problemi di salute, invalidità, categorie protette. Risultato: sostenibilità all’ambiente? No inquino per raggiungere la sede di
lavoro; valorizzazione delle persone? No, non conto nulla, sono solo un numero; progetto “inclusione sociale” in Lombardia il telelavoro non è ancora disponibile. Grazie comunque dell’attenzione. Se qualcuno ha qualche altra soluzione… Si accettano consigli.

Marina Bargellini

Salve, vi ho scoperto per caso e vi ringrazio per la presenza e il servizio che offrite.
Mi trovo nella necessità di usufruire della legge 104, o un part time di 24 ore su 4 giorni, vorrei sapere a quanti giorni ho diritto. Grazie

Doriana

Buongiorno,
sono di nuovo Doriana a rompere.. ma mi stanno stressando;
oggi, in mattinata, sono stata convocata via mail per domani pomeriggio dalle risorse umane per un colloquio. Niente di male se non fosse che la sede dista circa 3 ore di treno dalla mia sede. Logisticamente mi potrebbe essere complicato il ritorno, se mi fanno attendere troppo oltre al non rispetto della mia organizzazione famigliare, per una madre è complicato, non impossibile naturalmente, assentarsi improvvisamente dall’oggi al domani. Quindi mi chiedevo se esiste un minimo di preavviso da rispettare per questo tipo di convocazioni.
grazie mille

Admin

Abbiamo ricevuto la richiesta e giriamo la domanda alla sezione regionale per una risposta adeguata. Da una prima impressione è tangibile il sentore che una azienda debba tenere conto della Persona e delle sue inderogabili priorità (Famiglia, proprie esigenze, impegni dettati da una vita sempre più piena di pretese)

Doriana

Buongiorno, sono sportellista sempre alle prese con il pubblico e quindi impossibilitata a fare corsi online durante gli orari di servizio. Sono rimasta qualche pomeriggio a farli in ufficio, ma avendo famiglia ed un figlio a cui badare non riesco a dedicare molto tempo a questa attività. L’azienda si lamenta per questo e mi dici, a voce.., che sono obbligata a farli anche fuori orario d’ufficio e se serve anche da casa mia…
Sul contratto non ho trovato una specifica regola per i corsi online, esiste forse qualche accordo extra?
Grazie

Doriana

Se non capisco male quindi i corsi online non sono obbligata a farli a casa, ma se mi propongono il pagamento degli straordinari sono obbligata a fermarmi.
La comunicazione per gli straordinari per i corsi deve avvenire verbalmente o per iscritto?
Grazie

Claudio

Stamattina dalla verifica della mia busta paga è emersa una decurtazione del premio di produttività di circa 24 euro. Tenendo presente che nell’anno precedente sono stato assente per malattia solo per un evento di quattro giorni; mi chiedo come mai è stata operata tale decurtazione?
Prontamente ho posto il quesito anche al focal point della Ram di appartenenza, la quale mi ha risposto, che anche se non era prevista la decurtazione per un solo evento, è prevista comunque una trattenuta per l’assenza sopraccitata.
A mio avviso, anno effettuato una trattenuta non legittima; nel prospetto da Voi inviato la decurtazione per malattia del premio, per un dipendente ful time, è da effettuare dal terzo evento in poi e non per le giornate di assenza del singolo evento.
Si prega di verificare l’accaduto, in quanto il sottoscritto non è l’unico che ha subito tale decurtazione.
In attesa, invio cordiali saluti,
Claudio da Bologna

Admin

Le assenze riducono il premio di 1/312 per chi lavora su 6 giorni e 1/260 del pdr se ripartito su 5 giorni settimanali.
nn riducono il premio le assenze per ferie, congedo matrimoniale, permessi e ex festività soppresse infortuni, malattie dovute patologie previste art. 41 CCNL, ricoveri ospedalieri , maternità

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.